Drone music

Drone music

Siamo abituati a pensare che la musica debba essere sempre in movimento, sfruttando tutte le possibilità offerte dalla polifonia che la arricchiscono e la rendono varia. Esiste anche un tipo di musica che non ha testi, melodie e che in gran parte manca di senso del movimento: è la musica basata su droni, o bordoni.

Il drone, o bordone, è una forma musicale basata sulla ripetizione prolungata di un tono che può far da sfondo a intrecci armonici o dispiegarsi come vero e proprio ambiente sonoro.

Il cosmo è pura musica. E i droni sono la voce dell’universo. Anche la prima cosa che un essere umano ascolta è un drone: la colonna sonora del grembo materno.

I droni sono stati utilizzati in tutto il mondo per anni e rappresentano una base sulla quale è possibile suonare una melodia: rappresentano una sorta di ancora sulla quale la melodia può aggrapparsi. In ottica spirituale può rappresentare il Principio in cui tutto sussiste, il lavoro del Creatore che tutto sostiene. Inoltre l’influsso sull’uomo di un suono ripetuto è considerato molto potente.

I droni sono esistiti in molti angoli del mondo. Raramente risuonavano da soli, ma per la maggior parte erano incorporati in arrangiamenti strumentali. Nel Medioevo, l’Europa e Bisanzio cantavano su una base di toni statici. Allora, le città più grandi del mondo cristiano ospitavano enormi luoghi che mostravano spettacoli di luci sostenuti da droni infiniti e nebbia: cattedrali, dove cori e suonatori di organo spinsero il loro pubblico in estasi con quella che allora era la musica più rumorosa immaginabile.

God's beam of light in St. Peter's Basilica - Rome, Italy (HDR) | Italy,  Cathedral, Places to travel

In molti luoghi europei i droni sono nati dalla ghironda, strumento musicale a corde strofinate; nelle Highlands scozzesi, dalle possenti cornamuse; mentre nel nord dell’Australia, dal didgeridoo. Nella musica classica del sud-est e del nord dell’India, i droni sono associati alla tambura, costruita esclusivamente per questo motivo. “Nada Brahma“, è così che si riassume il drone universale e onnicomprensivo in India, perché può significare sia “Dio è suono”, ma anche “Il suono è Dio”.

Alcuna della musica drone moderna è legata profondamente alla sfera del divino. Essa può avere una qualità trascendente, ipnotica, che nelle giuste condizioni può suscitare una risposta meditativa o anche religiosa. Negli anni ’60 compositori come Karlheinz Stockhausen e La Monte Young sembravano attribuire una profonda spiritualità all’utilizzo dei droni; Young ha fondato un gruppo di improvvisatori, il Theatre of Eternal Music, che suonavano anche brani di parecchie ore basati sui droni.

Così come il divino è infinito e immutabile, così i droni riguardano l’atemporalità. Non si concentrano sulla domanda “Cosa succederà dopo?” ma su “Cosa esiste adesso?”. Possono rappresentare un aiuto per essere consapevoli della presenza di Dio, per praticare la preghiera meditativa e la lettura contemplativa delle Scritture. Dal punto di vista sonoro, per la natura della loro forma, ci aiutano a calmare il mondo esterno e le nostre ansie e paure.

Per Marcus Boon, scrittore e professore di inglese alla York University di Toronto, i droni ci influenzano al livello più profondo possibile. “All’interno della struttura del drone avviene un rilassamento e c’è una sorta di allentamento del sé che è piacevole, persino estatico”.

Sarebbe un errore, tuttavia, presumere che la qualità statica di un drone significhi che manchi di contenuti musicali interessanti. “La monotonia è generalmente considerata una cosa spiacevole”, afferma Marcus Boon. ‘Ma si potrebbe difendere la monotonia come interessante. Pensa a John Cage; ha detto che se fai qualcosa ed è noioso, dovresti farlo di nuovo finché non diventa interessante. E’ come una sorta di atteggiamento buddista zen. Quando ascolti più attentamente, ciò che sembra essere lo stesso in realtà ha molte qualità che non hai notato. Quindi, invece di cercare cambiamenti superficiali, dovresti sintonizzarti su ciò che sta realmente accadendo ora, sulla complessità della situazione così com’è”.

Ciò che apparentemente suona come la stessa cosa più e più volte può aprirsi in diversi livelli, ricchi di complessità e profondità. In questo modo, un drone può consentire all’ascoltatore attento di rimanere nel momento presente, mentre contemporaneamente penetra in strati più profondi e sensazioni nascoste e non tangibili. I droni possono funzionare anche per evocare atmosfere negative e spiazzanti: per Georges Bataille il sacro significava una totale dissoluzione del sé, ma allo stesso tempo anche un sentimento di nulla e caos. I droni possono rispecchiare entrambi i lati di questa esperienza del mondo non visibile, quella positiva e quella negativa, ed evocare l’intero spettro di emozioni, che vanno dalla calma meditativa alla paura.

Per il grande pubblico, il drone vide la luce il 27 novembre 1964. In questo giorno, i Beatles pubblicarono il loro singolo “I Feel Fine”, che si apre con due secondi di feedback del drone dalla chitarra di John Lennon. Una breve apparizione. Solo due anni dopo, i Beatles hanno introdotto i sitar nel loro settimo album in studio “Revolver”, ad opera del musicista indiano Ravi Shankar.

Il drone è la “zuppa primordiale”. Il punto da cui deriva tutta la melodia e a cui alla fine tutto ritorna. La parola “vibrazione” è entrata nella cultura degli anni Sessanta attraverso il sufismo, e in particolare attraverso il lavoro del musicista e filosofo indiano Sufi Hazrat Inayat Khan, che si recò a New York per la prima volta nel 1910. Nel suo libro classico, Il Misticismo del Suono, Khan espone una dottrina in cui suono, movimento e forma emergono dal silenzio: “ogni movimento che scaturisce da questa vita silenziosa è una vibrazione e un generatore di vibrazioni”. È importante affermarlo chiaramente: secondo Khan, la materia e gli oggetti solidi sono manifestazioni del potere della vibrazione e del suono, e non viceversa. Il suono viene prima, non viceversa. Quindi, l’universo è suono e il drone, che sostiene un particolare insieme di vibrazioni e frequenze sonore nel tempo, ha una relazione molto stretta con ciò che siamo, con il nostro ambiente e con il mondo invisibile che ci sostiene. Khan: “Con la musica dell’Assoluto il basso va avanti continuamente; ma in superficie, sotto le varie tonalità di tutti gli strumenti della musica della natura, il tono è nascosto e sottomesso”. Il nome tradizionale dato a questo sottofondo infinito è OM, e dicendo OM il monaco o il musicista si sintonizzano sempre su un suono perfetto.

Immagine 1 - Libri-Inayat-Khan-Hazrat-Il-Misticismo-Del-Suono

Sitografia:

The Pitch Goes On (Joel Heng Hartse) https://www.christianitytoday.com/

The Voice of the Universe – A Brief History of Drone https://daily.redbullmusicacademy.com/

Enter the drone – la musica dell’immersione (Andrea Guerrini) http://www.inkorsivo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche